SOLUZIONI TECNOLOGICHE
PER IL RESTAURO

Nel campo della conservazione dei Beni culturali sta crescendo la richiesta di tecniche di pulitura sempre più accurate, caratterizzate da elevata selettività e minimo impatto

CASI DI STUDIO

CAPPELLA DEL MANTO E SAGRESTIA VECCHIA

CAPPELLA DEL MANTODI CRISTOFORO DI BINDOCCIO E MEO DI PERO SAGRESTIA VECCHIA DI LORENZO VECCHIETTA - SANTA MARIA DELLA SCALA (SIENA)

Ente conservatore e responsabile del restauro: Opera di Santa Maria della Scala (SI),  Soprintendenza BSAE  per le provincie di Siena e Grosseto

RESTAURATORE:  Anna Brunetto

Storia:

La Sagrestia Vecchia  e la Cappella del Manto sono due stanze dipinte all’interno del complesso di Santa Maria della Scala di Siena. Questo era uno dei più antichi ospedali europei istituito circa 1000 anni fa che ha terminato la sua attività negli anni 70 per essere poi trasformato gradualmente in un polo museale.

Le mura e le volte della Sagrestia Vecchia sono dipinte con temi del Nuovo e Vecchio Testamento da Lorenzo Vecchietta fra il 1446 e il 1449. Le pitture risultavano coperte da strati di scialbatura applicati in passato.

La Cappella del Manto,  utilizzata in passato come stanza di primo soccorso, è formata da tre campate suddivise in volte a croce e dipinte da Cristoforo di Bindoccio e Meo di Pero nel 1370. Anche in questo caso le opere erano state quasi completamente ricoperte in passato da strati di scialbatura a calce e vernice.

 

 

METODO DI PULITURA LASER:

Le tecniche tradizionali di tipo chimico e meccanico non avevano dato risultati soddisfacenti così è stato pensato all’utilizzo, pionieristico, del laser.

Test preliminari di pulitura sono stati effettuati sia con un sistema Short Free Running (Eos 1000) che con un sistema Long Q-switching (Eos 1000 LQS).  Questi due sistemi con durata dell’impulso “intermedia” si sono dimostrati molto efficaci e sicuri rispetto ai tipici laser ad impulso corto Q switch ed hanno permesso di ottenere (da soli o combinati fra loro ) dei risultati molto soddisfacenti di rimozione della scialbatura riportando alla luce gli affreschi sottostanti. 

SISTEMI ADOTTATI